Il manichino della storia

L'arte dopo le costruzioni della critica e della cultura

Domenica 31 gennaio 2016 ingresso gratuito per il finissage della mostra.

 

Curata da Richard Milazzo, la mostra presenta 90 capolavori appartenenti a collezioni private del territorio, realizzati nel periodo compreso fra gli anni Ottanta e i nostri giorni. 
Nel percorso espositivo dipinti, sculture, fotografie e installazioni, opera di quarantotto artisti protagonisti della scena artistica internazionale degli ultimi decenni provenienti da 10 Paesi nel mondo, interrogano la natura stessa dell'arte e le sue pretese.

Realizzate negli ultimi tre decenni soprattutto in ambito newyorchese, le opere fanno scorrere davanti agli occhi una rapida successione di stili e movimenti. Concettualismo, Appropriation art, Neo-Pop, Superkitsch, Arte povera, Transavanguardia, Neo-espressionismo, varie modalità di Realismo, YBA (Young British Artists), Scuola di Düsseldorf, Figurazione, Astrattismo, Iperrealismo, e via e via, etichette con cui la critica e l’organizzazione del mercato hanno tentato di effettuare una presa entro un divenire accelerato che ostenta sempre il superamento di un movimento sull’altro.

"L'arte si è trasformata in uno spettacolo – dichiara Richard Milazzo – non solo per le case d'asta, le fiere d'arte, le gallerie commerciali, i musei e i collezionisti, ma anche per i critici, i curatori, i media, in larga parte per gli artisti stessi. L'arte, di conseguenza, in quanto spettacolo, è diventata un manichino".

Gli Artisti

William Anastasi, Donald Baechler, Jean-Michel Basquiat, Carlo Benvenuto, Ross Bleckner, Alighiero Boetti, Jake and Dinos Chapman, Sandro Chia, Francesco Clemente, Gregory Crewdson, Enzo Cucchi, Gino De Dominicis, Nicola De Maria, Urs Fischer, Nan Goldin, Felix Gonzáles-Torres, Andreas Gursky, Peter Halley, Jenny Holzer, Mark Innerst, Alex Katz, Anselm Kiefer, Louise Lawler, Annette Lemieux, Robert Longo, Allan McCollum, Malcolm Morley, Vik Muniz, Takashi Murakami, Shirin Neshat, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Richard Prince, Thomas Ruff , David Salle, Salvo, Mario Schifano, Julian Schnabel, Andres Serrano, Cindy Sherman, Kiki Smith, Haim Steinbach, Philip Taaffe, Wolfgang Tillmans, Franco Vaccari, Meg Webster, Chen Zhen

Informazioni

  • dal 18 settembre 2015 
    al 31 gennaio 2016

  • lunedì chiuso
    martedì 15.00-18.00
    dal mercoledì al venerdì 10.30-13.00 / 15.00-18.00
    sabato, domenica e festivi 10.30-19.00

    25 dicembre 2015 e 1 gennaio 2016 15.00-19.00

  • intero  € 5.00 

    ridotto  € 3.50 
    - presentando il biglietto del Mef al bookshop del Mata il visitatore avrà diritto a un biglietto di ingresso ridotto, al costo di 3,50 euro (invece di 5, prezzo del biglietto intero). Viceversa, presentando il biglietto di ingresso della mostra del Mata alla biglietteria del Museo Enzo Ferrari di Modena, si avrà uno sconto di 4 euro, e quindi entrare pagando 11 euro invece di 15.

    - possessori di YoungERcard Carta Insieme Conad, Tessera Touring Club

    gratuito
    0-12, portatori di handicap con accompagnatore, gruppi scolastici 


    Ingresso gratuito sabato 10 ottobre 2015, Giornata del Contemporaneo, e domenica 31 gennaio 2016, S. Geminiano, giornata del Santo Patrono di Modena

    Biglietteria Mata
    Tel. 059-4270657

banner biglietto 04

Gli artisti e le opere

Alex Katz, Closed Open Closed Open, 2004
olio su tela | oil on canvas 
122 x 564 cm
Collezione privata | Private Collection, Modena
Photo: Rolando Paolo Guerzoni
© Alex Katz by SIAE 2015

mata foto 2

Visite guidate

A partire da sabato 3 ottobre 2015, tutti i sabati alle 16.30 e tutte le domeniche alle 10.30 sarà possibile partecipare senza prenotazione alle visite guidate gratuite organizzate da Mediagroup98 di Modena (l'ingresso alla mostra è a pagamento).

Gruppi turistici e gruppi scolastici possono richiedere visite guidate ad hoc al costo di 50,00 € per un minimo di 12 e un massimo di 25 partecipanti, chiamando il numero 059 4270657.

(Il servizio di prenotazione/acquisto online sia dei biglietti di ingresso che delle visite guidate ad hoc comporta un sovrapprezzo pari al 10% dell'importo per diritti di prenotazione).

 

Visite guidate per la scuola secondaria di I e II grado
Le visite guidate si propongono di avvicinare gli studenti alla conoscenza dell’arte contemporanea e della realtà contemporanea in cui viviamo. L’approccio alla storia dell’arte contemporanea, attraverso la storia degli artisti, dei movimenti e delle diverse tecniche artistiche, diventa un modo per riflettere su aspetti storici, letterari, sociali e anche urbani. Durante la passeggiata, nel contesto espositivo del Mata, si cercherà di stimolare gli studenti, attraverso un dialogo partecipato, all’osservazione e ad “imparare a vedere in modo attivo” le opere presenti in mostra. Si cercherà quindi di favorire la partecipazione soggettiva e lo scambio di idee tra i ragazzi attraverso l’utilizzo di immagini, di schede didattiche e di letture condivise.

Dove: Mata in via della Manifattura dei Tabacchi n.83, Modena
Telefono: 059 4270657
Costo: 50,00 euro
Per le scuole del Comune di Modena 50,00 euro (se non sarà utilizzato il contributo del comune si pagherà la quota direttamente in mostra).

Laboratori didattici

Caratteristiche

Le attività didattiche si propongono di avvicinare gli studenti alla conoscenza dell’arte contemporanea e alla realtà in cui viviamo. L’esperienza di visita inizierà con una passeggiata nel contesto espositivo del Matadove, osservando le opere d’arte, si cercherà di favorire un dialogo partecipato e attivo tra gli operatori, gli educatori, gli insegnanti e gli studenti. La mostra sarà narrata attraverso l’approfondimento di tematiche, la figura umana e il viaggio, che verranno sviluppate in modi differenti a seconda dei destinatari o di eventuali richieste da parte degli insegnanti; verranno utilizzate fonti letterarie, fotografie, schede didattiche, disegni, letture che permetteranno di rielaborare le conoscenze acquisite insieme. La visita e l’attività laboratoriale si proporranno di raggiungere questi obiettivi: stare bene in mostra, scegliere la visione dal vero di opere d’arte che solitamente non sono visibili, stimolare la creatività manuale e concretizzare il pensiero, fare esperienza dell’opera d’arte e dei suoi significati attraverso il dialogo condiviso quindi stimolare la curiosità e la riflessione .

 

Visita con laboratorio I
Chi è il misterioso manichino della storia nella mostra?

La visita, in forma di passeggiata, si propone di far vivere un’esperienza estetica ai bambini, di avvicinarli alle forme e ai materiali usati dagli artisti delle opere d’arte in mostra, per stimolare la loro curiosità e fantasia. Nel percorso si cercherà di narrare e scoprire la mostra attraverso questo misterioso manichino. Ma chi è questo curioso manichino? è forse il curatore della mostra? Probabilmente è un funambolo, un’artista circense, un vecchio collezionista. Noi abbiamo provato a pensarlo come il protagonista fisicamente invisibile di questa mostra che ci accompagnerà alla scoperta di alcune opere. Il manichino ha lasciato degli indizi che dobbiamo trovare per poterlo disegnare e per scoprire la sua identità. Passeggiando tra le opere quindi sarà possibile dare vita alla storia di questo insolito manichino di cui costruiremo insieme l’immagine.

Destinatari: scuola infanzia (4-5anni) e scuola primaria
Durata: 1,20 h circa

Per scuola infanzia (4-5anni) e primaria (1-2-3 classi)
In mostra, durante la visita coi bambini si cercherà di favorire l’esperienza visiva e tattile, ad esempio attraverso l’utilizzo di oggetti e materiali diversi; inoltre durante la passeggiata individueremo degli indizi nelle opere che sotto forma di immagini colorate ci permetteranno di dare forma e identità al misterioso manichino, che al termine del percorso potrà essere disegnato e quindi da immaginario diverrà concreto.

Per scuola primaria classi 4-5
Durante la visita, in forma di passeggiata, coi bambini si cercherà di individuare degli indizi nelle opere; tali indizi sottoforma di immagini colorate daranno forma al misterioso manichino che successivamente potremo disegnare e attribuirgli un’identità.

Dove Mata in via della Manifattura dei Tabacchi n.83, Modena
Telefono: 059 4270657
Costo: 3,50 euro pro capite
Per le scuole del Comune di Modena 3,50 euro pro capite (se non sarà utilizzato il contributo del comune si pagherà la quota direttamente in mostra).

 

Visita con laboratorio II
Incontri

La visita, in forma di passeggiata, si propone di affrontare il tema del multiculturalismo attraverso il viaggio. Partendo dall’osservazione dell’opera di alcuni artisti (Cucchi, Gursky, Morley, Salvo, Boetti..) che danno forma con materiali e tecniche differenti all’idea di viaggio e a diverse storie, i bambini/ragazzi saranno accompagnati in un immaginario viaggio intorno al mondo che stimolerà la loro curiosità verso altri luoghi e altre culture, perché come dice il curatore:“Il manichino della storia non incarna solo la sua storia ma adotta la geografia di altri paesi”. La presenza di artisti provenienti da 10 nazioni diverse fornirà lo spunto per approfondire, non solo le tecniche e i metodi artistici ma anche le loro storie che si intrecciano alla nostra durante la visita alla mostra.

Destinatari: scuola primaria (classe 4 e 5) e secondaria di I grado
Durata: 1,20 h circa

Per scuola primaria classi 4-5
Dopo la visita in mostra riflettendo sulla mappa/arazzo di Alighiero Boetti ai bambini sarà proposto di creare una bandiera simbolica con cui completeranno la raffigurazione del loro mondo, una loro opera che potranno portarsi a scuola intitolata “Siamo tutti parte dello stesso mondo”.

Per scuola secondaria I grado
Durante la visita, in forma di passeggiata, coi ragazzi tra le opere si rifletterà su alcuni aspetti storico artistici ma non solo, attraverso l’utilizzo di racconti di viaggio o testi letterari.

Dove: Mata in via della Manifattura dei Tabacchi n.83, Modena
Telefono: 059 4270657
Costo: 3,50 euro
Per le scuole del Comune di Modena 3,50 euro pro capite (se non sarà utilizzato il contributo del comune si pagherà la quota direttamente in mostra).

 

Informazioni: incontro con insegnanti 1 ottobre ore 16 e ore 17 al Mata

Giorni disponibili per prenotazioni di attività didattica: martedì pomeriggio 15,00 -da mercoledì a venerdì 10,30 e 15,00 e sabato mattina 10,30. Dopo l’adesione bisognerà effettuare la prenotazione telefonando al 059 4270657

mata foto 1

Multimedia